Preikestolen

Preikestolen

Sve­glia alle 5. Anche oggi sia­mo i pri­mi ad alzar­ci nel­l’area di sosta Skjer­svi­ka. Il cie­lo è coper­to: in effet­ti le pre­vi­sio­ni meteo dichia­ra­va­no nuvo­lo fin ver­so le 8–9 del mat­ti­no, poi sole pie­no. Ormai sia­mo rapi­di nel­la pre­pa­ra­zio­ne: come per il Troll­tun­ga, ci vestia­mo a stra­ti ma rela­ti­va­men­te leg­ge­ri, sul­la base del­le tem­pe­ra­tu­re pre­vi­ste e del fat­to che que­sto iti­ne­ra­rio è più bre­ve rispet­to ai pre­ce­den­ti. Ci spo­stia­mo al

Bryggen

Bergen

Dopo la lun­ga gior­na­ta con escur­sio­ne al Troll­tun­ga di ieri, ci sve­glia­mo sot­to il cie­lo coper­to dei din­tor­ni di Ber­gen, nel Lone cam­ping. Fa fred­do ma, per lo meno, non dovreb­be pio­ve­re. Aven­do anti­ci­pa­to il trek­king alla spet­ta­co­la­re lin­gua di gra­ni­to per poter sfrut­ta­re le con­di­zio­ni meteo miglio­ri e aven­do con­se­guen­te­men­te allun­ga­to un po’ il per­cor­so, sia­mo ora costret­ti a ridi­men­sio­na­re il tem­po da dedi­ca­re a Ber­gen. Inve­ce di tra­scor­rer­vi

Trolltunga

Trolltunga

Sve­glia alle 4! Nel­l’area di sosta dove ci sia­mo fer­ma­ti ieri sera tut­ti dor­mo­no anco­ra. A quest’ora c’è già luce ma il sole anco­ra non è sor­to. È fre­sco ma si intui­sce che la gior­na­ta sarà cal­da. Sul­la base del­le due espe­rien­ze del Bes­seg­gen e del Mon­te Skå­la e con­si­de­ra­te le pre­vi­sio­ni meteo­ro­lo­gi­che per oggi al Troll­tun­ga, optia­mo per un abbi­glia­men­to leg­ge­ro ma comun­que a stra­ti. Dove par­cheg­gia­re Par­tia­mo e

Flåmsbana

Flåmsbana

Ci sve­glia­mo con un sole splen­den­te che ci invi­ta a fare cola­zio­ne sul pra­to del cam­peg­gio in costu­me. Men­tre bevia­mo il caf­fè, stu­dia­mo il per­cor­so dei pros­si­mi gior­ni: il nostro iti­ne­ra­rio pre­ve­de­reb­be di visi­ta­re Ber­gen doma­ni e di affron­ta­re il trek­king al Troll­tun­ga il gior­no dopo. Le pre­vi­sio­ni meteo pre­fi­gu­ra­no un’in­te­ra gior­na­ta di sole per doma­ni e tem­po più varia­bi­le per dome­ni­ca; fac­cia­mo una veri­fi­ca anche sul sito meteo storm.no

Lungo la Snøvegen

Snøvegen e Næroyfjord

Ci sve­glia­mo con la luce del sole che attra­ver­sa gli spi­ra­gli fra le ten­de del fur­go­ne; fac­cia­mo cola­zio­ne con le girel­le alla can­nel­la pre­se ieri pome­rig­gio al Lustra­bui, scal­da­te appe­na su un padel­li­no. Discre­te, ma nien­te a che vede­re con quel­le man­gia­te l’an­no scor­so a Rey­k­ja­vik. Pas­sa qual­che rara macchina/moto diret­ta a Vin­de­da­len, dove fini­sce la stra­da. Snø­ve­gen Lascia­mo lo spot dove abbia­mo tra­scor­so la not­te e ci met­tia­mo in

Nystølsvatnet

Gaularfjellet

Ci sve­glia­mo nel­la val­le del fiu­me Star­dal­sel­va pro­va­ti dal trek­king di ieri al mon­te Skå­la. Anche que­sta gior­na­ta è mera­vi­glio­sa: fac­cia­mo cola­zio­ne al sole qua­si in costu­me da bagno: la tem­pe­ra­tu­ra è spet­ta­co­la­re! Gau­lar­f­jel­let Par­tia­mo in dire­zio­ne Før­de, inten­ti a per­cor­re­re la stra­da turi­sti­ca nazio­na­le Gau­lar­f­jel­let, che si sno­da lun­go il cor­so del Gau­lar­vas­sdra­get, in dire­zio­ne paral­le­la al Sogne­f­jord. Per­cor­ren­do la E39 ci fer­mia­mo a visi­ta­re la casca­ta Hul­de­fos­sen in

Monte Skåla

Monte Skåla

Sve­glia 6:45: il cie­lo è com­ple­ta­men­te sere­no e il lago Lovat­net , illu­mi­na­to dal sole del pri­mo mat­ti­no, è mera­vi­glio­so. Ci per­dia­mo in una serie infi­ni­ta di foto­gra­fie pri­ma del­la cola­zio­ne. Pre­pa­ria­mo gli zai­ni: rispet­to all’e­scur­sio­ne alla cre­sta Bes­seg­gen, oggi ci vestia­mo a stra­ti ma con indu­men­ti più leg­ge­ri e ci avvia­mo in fur­go­ne ver­so la par­ten­za del­l’i­ti­ne­ra­rio. Lun­go la stra­da attra­ver­so la Loda­len ci sof­fer­mia­mo più vol­te per foto­gra­fa­re

Lovatnet

Lovatnet

Ci sve­glia­mo nel San­de cam­ping sul­le rive del mera­vi­glio­so lago Lovat­net. Tiria­mo fuo­ri il tavo­li­no e pre­pa­ria­mo dei toa­st per cola­zio­ne accan­to al fur­go­ne, a pochi metri dal­l’ac­qua. Qual­che canoa esce dal por­tic­cio­lo del cam­peg­gio e si avven­tu­ra nel lago. Il sole ci scal­da e non c’è ven­to: si sta divi­na­men­te! Discu­tia­mo sul da far­si e deci­dia­mo di rima­ne­re qui un altro gior­no in modo da dedi­car­ci all’e­splo­ra­zio­ne del­la Olde­da­len

Geirangerfjord

Geirangerfjord

Sve­glia alle 6:30: l’in­ten­zio­ne di oggi è quel­la di par­te­ci­pa­re al pri­mo tour del­la gior­na­ta sul Gei­ran­ger­f­jord (dovreb­be esser­ci meno gen­te e potrem­mo rimet­ter­ci in stra­da entro metà mat­ti­na). Secon­do il meteo, le pri­me ore del gior­no dovreb­be­ro esse­re le miglio­ri: inve­ce è anco­ra tut­to coper­to. Uffa! Fac­cia­mo cola­zio­ne e asset­tia­mo il fur­go­ne con cal­ma, lascian­do per­de­re, a que­sto pun­to, la pri­ma cro­cie­ra del mat­ti­no da 90’ e pun­tan­do sul­la

Trollstigen

Trollstigen

Ci sve­glia­mo nel cam­peg­gio di Åndal­snes con un gran sole nel cie­lo: ne appro­fit­tia­mo per goder­ci la cola­zio­ne alle­sten­do il tavo­li­no pie­ghe­vo­le all’e­ster­no. Ora che sia­mo pron­ti a par­ti­re, però, il cie­lo comin­cia a ran­nu­vo­lar­si. Con anco­ra qual­che spraz­zo di azzur­ro, tor­nia­mo alla vici­na Troll­veg­gen, la “pare­te dei troll”, già visi­ta­ta ieri, per qual­che ulte­rio­re scat­to spe­ran­do nel­la luce miglio­re. Troll­sti­gen Ci diri­gia­mo ora ver­so la Troll­sti­gen, la “sca­la dei