Norvegia

Dia­rio di viag­gio Dura­ta 20 gg (29 giu­gno — 18 luglio 2019) Distan­za per­cor­sa 5650 km Costo pp 1250 € Mez­zo di tra­spor­to cam­per­van (Fiat Scu­do 2003)

Fiordi est 2

Ci sve­glia­mo alle 6:30 men­tre il cam­peg­gio anco­ra dor­me: un’altra bel­la doc­cia cal­da nel bagno com­ple­ta­men­te deser­to, cola­zio­ne e via ver­so Bor­gar­f­jö­rður dove ci risul­ta esse­re una colo­nia di pul­ci­nel­la di mare. Abban­do­nia­mo la soleg­gia­ta val­la­ta di Egils­staðir e il suo lago allun­ga­to Lagar­fljot per imboc­ca­re la stra­da n. 94 in dire­zio­ne nord-est. Dyr­f­jöll Il nastro di asfal­to si pro­ten­de drit­to fra pra­ti ver­di che ini­zial­men­te paio­no infi­ni­ti, sen­za alcu­na

Skaftafell

Sve­glia alle 6: splen­de il sole! Nel cie­lo non si vede una sola nuvo­la, le pre­vi­sio­ni meteo­ro­lo­gi­che del sito uffi­cia­le islan­de­se non ne sba­glia­no una! L’i­dea di alzar­ci pre­sto per sfrut­ta­re il più pos­si­bi­le que­sta gior­na­ta di bel tem­po ci ha ripa­ga­ti. Fac­cia­mo cola­zio­ne men­tre il cam­peg­gio anco­ra dor­me e lo lascia­mo che si sta sve­glian­do. Abbia­mo tan­te cose da fare e da vede­re oggi! Fac­cia­mo il pie­no di car­bu­ran­te

Reynisfjara

Dopo una not­ta­ta all’in­se­gna di piog­gia bat­ten­te sul fur­go­ne, appe­na sve­gli arri­va un’ul­te­rio­re scro­scio d’ac­qua, bre­ve ma inten­so. Un’al­tra gior­na­ta di piog­gia no, plea­se! Ci sia­mo sve­glia­ti pre­sto — 6:30 — per anda­re di pri­mo mat­ti­no al relit­to del­l’ae­reo situa­to lun­go la costa, sul­la spiag­gia di Sólhei­ma­san­dur, poco oltre la nostra attua­le posi­zio­ne.  Sólhei­ma­san­dur pla­ne wreck Un arti­co­lo sul web defi­ni­sce l’i­ti­ne­ra­rio per rag­giun­ge­re il relit­to “a lit­tle tric­ky to find” per­ché si tro­va a

Landmannalaugar

Ci sve­glia­mo alle 7 nel cam­peg­gio di Rjúp­na­vel­lir: l’a­ria è fred­da ma anco­ra non pio­ve. Ci vestia­mo bar­dan­do­ci meglio che pos­sia­mo, pren­den­do con noi cal­ze e pan­ta­lo­ni di scor­ta (nel caso ci bagnas­si­mo) e asciu­ga­ma­ni per un even­tua­le bagno nel fiu­me con acqua geo­ter­ma­le (illu­si!). Alle 8:35, pun­tua­le, arri­va il bus del­la Trex che ci cari­ca. Il pull­man è mez­zo vuo­to e noi sia­mo gli ulti­mi pas­seg­ge­ri a sali­re dal momen­to che,

Il circolo d’oro

Ci sve­glia­mo sot­to un cie­lo nuvo­lo­so ma sen­za piog­gia e ci spo­stia­mo nel­l’a­rea pic­nic di Snæ­foks­staðir: qui fac­cia­mo cola­zio­ne assag­gian­do lo skyr, tipi­co for­mag­gio islan­de­se che, come con­si­sten­za e sapo­re, asso­mi­glia allo yogurt: non è male ma lascia in boc­ca un retro­gu­sto stra­no. Orga­niz­za­to il fur­go­ne nel­la moda­li­tà gior­no, chiu­den­do il let­to, ci pre­pa­ria­mo ad ini­zia­re la visi­ta al Gol­den cir­cle. Con que­sta espres­sio­ne, “Cir­co­lo d’o­ro” o “Cer­chio d’o­ro” (in

Islanda

Dia­rio di viag­gio Dura­ta 15 gg (28 luglio — 12 ago­sto 2018) Distan­za per­cor­sa 3700 km Costo pp 2500 € Mez­zo di tra­spor­to cam­per­van (noleg­gia­to)